Termine per la presentazione abstract posticipato al 15 maggio

Terzo Simposio di Criminologia Narrativa

L’obiettivo dell’incontro è quello di far sì che gli studiosi si confrontino, in tempo di pandemia, con molti importanti questioni in ambito criminologico: il rapporto fra finzione e realtà nelle narrative criminali; il ruolo dell’immaginario nella costruzione delle narrative e dei cliché condivisi da parte della collettività e delle culture devianti e criminali; le narrative in quanto condizionate e condizionanti la nostra visione e la percezione delle realtà culturali, sociali e personali.

Il convegno si svolgerà in presenza e sarà tenuto in lingua inglese
(durante le plenarie è prevista la traduzione simultanea).

Genova, 16 Giugno – 18 Giugno 2022

Giugno 16 - 18 in Genoa
Program

AULA MAGNA

13:30
Registration
30 Minutes Via Balbi 5, Genoa
14:00
Opening
30 Minutes Via Balbi 5, Genoa
14:30
Plenaries

Jennifer Fleetwood From private concerns to public narratives: tracing the rise of personal stories about crime
Lois Presser Constructing early victory over COVID: Narrative, metaphor, and the unsaid
Sveinung Sandberg Fiction and nonfiction in life-stories of Latin American prisoners

1 Hour 30 Minutes Via Balbi 5, Genoa
16:00
Discussion
30 Minutes Via Balbi 5, Genoa
16:30
Break
15 Minutes Via Balbi 5, Genoa
16:45
Plenaries

Adolfo Ceretti One woman's story. Exploring a violent cosmology from a radical interactionist and narrative approach
Gabriele Mandarelli Criminological narratives in psychiatric forensic evaluations
Fabio Indio Massimo Poppi Non Serviam: Narrative dimension of organized crime resistance and susceptibility

1 Hour 30 Minutes Via Balbi 5, Genoa
18:15
Discussion
15 Minutes Via Balbi 5, Genoa

CHIESA DI S.MARIA DI CASTELLO

9:00
Plenaries

Adolfo Francia Multiple narratives: a criminological evalutation of Heroard’s Journal on the early life of Louis XIII


Isabella Merzagora The“yellow” (crime) novel as a pretext, the “yellow” novel as an heir


Oriana Binik Desistance narratives: constructing a “redemption script” through fairy tales

1 Hour 30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
10:30
Discussion
30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
11:00
Break
30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
11:30
4 Panels
1 Hour 45 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
13:15
Lunch
1 Hour Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
14:15
Plenaries

Olga Petintseva Beyond fact-finding missions, forms, master narratives, and fancy abstractions
Antony Pemberton Stories of injustice: narratives and their limits in victimology
Anita Lavorgna Narratives of blame and absolution: framing and managing digital risks in harmful sharenting practices

1 Hour 30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
15:45
Discussion
30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
16:15
Break
30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
16:45
4 Panels
1 Hour 45 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
18:45
VISIT OF S. MARIA DI CASTELLO
1 Hour 15 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
20:00
Congress Dinner

CHIESA DI S.MARIA DI CASTELLO

9:00
Plenaries

Heith Copes Peyote as Earth Medicine: Examining How Narratives Shape Experiences with Psychedelics
Lorenzo Natali Exploring innovative methodologies in the field of narrative, visual and sensory criminology. A green victimological approach

2 Hours Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
11:00
Discussion
30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
11:30
Closing remarks
30 Minutes Salita Santa Maria di Castello, 15, Genoa
12:00
Conclusion
LA CRIMINOLOGIA NARRATIVA

Le origini della criminologia narrativa sono legate alla “narrative wave” nell’ambito delle scienze umane; ma uno sguardo più approfondito alla storia della criminologia ci permette di scoprire che l’interesse per le narrazioni del crimine non solo risale alle sue origini, ma ne ha influenzato lo sviluppo fin dai tempi di Lombroso, e permea anche le varie impostazioni teoriche che oggi la caratterizzano.

Sviluppando il proprio particolare punto di vista, la criminologia narrativa si è concentrata sulle narrative in quanto fattori motivanti e scatenanti il delitto (sovvertendo l’opinione più diffusa), scoprendo che spesso quanto i soggetti affermano non è basato sull’esperienza di un Sé unificato, quanto piuttosto sfaccettato e multidimensionale, fluttuante, frammentato e disarticolato. Inoltre, quanto viene narrato di sé dipende dalla situazione del narratore e dal suo posizionamento nella società e nella cultura in cui è immerso; talvolta, inoltre, chi narra viene spinto da forze di cui lui stesso è inconsapevole.

Le narrative criminali sono ricche di riferimenti ad altri testi, e la loro interpretazione risulta complessa. A volte appaiono ellittiche, concise, brevi, riferite a ciò che tutti conoscono e a cui basta semplicemente accennare; a volte sono il sintomo dell’emergere del non-detto, del non-conosciuto, e anticipano un’azione che spesso non trova parole o ne prende il posto. Ne consegue che, sin dalla sua nascita, la criminologia narrativa si è dimostrata molto interessata all’analisi dei casi singoli (“one is enough”).

Riassumendo, la criminologia narrativa si posiziona in uno spazio precedentemente lasciato inoccupato e si connette con altri nuovi interessanti sviluppi nel campo, contribuendo allo studio della relazione tra narrative individuali e collettive da un lato e, dall’altro, fra dimensioni individuali, strutturali, sociali e culturali difficilmente esprimibili.
Questo Simposio si concentrerà quindi sulle interrelazioni, intersezioni e contrapposizioni tra realtà, irrealtà, fantasia, verità, bugie, immaginazione e fiction nelle narrative della delinquenza e della giustizia penale.

Invio Abstract
Fai clic o trascina il file su quest'area per caricarlo.
File consentiti: .doc, .docx
ORGANIZZATORI
Sponso
Sponso
PATROCINIO
Sponso
Sponso